Twitter Facebook Google+
Contatti: +39 371 1842531 | info@laviadeimonti.com

Escursioni notturne

«– Sicuramente era mezzanotte passata. – Guardò l’ora? – Non ho ralogio, di giorno mi regolo col sole; quand’è scuro, con l’odore della notte. – Ha detto l’odore della notte? – Sì. A seconda dell’ora, la notte cangia odore» (da “L’odore della notte” Andrea Camilleri)

 

Forse anche voi, come il commissario Montalbano, stentate a credere che la notte abbia un suo odore, di più, che ogni ora della notte, dal tepore del crepuscolo fino alle umide brezze dell’albeggiare, abbia un suo particolare e differente odore.

Vedetta sul Fontanacce

Vedetta sul Fontanacce

 

Forse non vi è mai capitato di sentirvi un pò lupo scoprendo di possedere un senso dell’olfatto nel momento in cui capite che gli alberi che avete di fronte, poco oltre il passo del Colombino salendo verso i Tauffi, sono pini. Non perché riuscite a vederli, ma perché ne sentite l’odore portato dallo Scirocco.

 

 

Tramonto da Tauffi

Tramonto da Tauffi

Allora cosa c’è di meglio, per riscoprire una dimensione ormai dimenticata dell’escursione in ambiente naturale , che “perdersi” lasciandosi avvolgere dal buio fitto della faggeta del Bosco della Barba, dell’imponente abetina della Riserva Naturale di Abetone, o “ritrovarsi” nell’abbagliante chiarore della luna piena nella conca innevata del Lago Baccio?

 

 

L’escursione notturna o la ciaspolata notturna ci permettono letteralmente di “vedere” il territorio con occhi nuovi, anzi di leggere il territorio senza occhi, quasi come in un “braille” a quattro sensi: i colori si mutano in sfumature d’azzurro prima e di grigio poi, odori e rumori si amplificano al punto che il delicato passo d’un capriolo o il rufolare d’un tasso potranno sembrarvi il passo di un rinoceronte nella savana. Anche le sensazioni tattili si amplificano, tanto che alla fine dell’escursione vi renderete conto, solo sentendo la sensazione sotto i vostri scarponi se state camminando su un sentiero battuto o sul suolo gommoso di una torbiera.

 

 

Al di là però del primo impatto timoroso che il non vedere suggerisce alla nostra anima recondita di prede diurne (eh sì, anche se ormai da qualche centinaia di migliaia di anni molti noi non calcano più scalzi il suolo polveroso della savana, il nostro istinto in fondo in fondo si ricorda che da qualche parte c’è un leone…) camminare, ciaspolare o fare trekking di notte è un’attività non pericolosa e piacevole che permette anche un contatto più diretto con i selvatici abitanti del bosco che proprio nelle ore crepuscolari e notturne sono maggiormente intenti ai propri affari.

 

 

Ovviamente il fatto di avere un raggio visuale limitato impone una maggior pratica di movimento se si affrontano sentieri e una buona capacità di orientamento…oppure il supporto di una buona guida che conosca a fondo il territorio e vi conduca, senza farvi perdere, nei luoghi più suggestivi.

 

 

Sulle tracce del lupo wolf howling

Sulle tracce del lupo: il wolf howling

Per quanto riguarda l’abbigliamento e attrezzatura da portarvi per l’escursione, nulla di diverso da quanto ci porteremo dietro per un’ escursione o una ciaspolata diurna, con un piccolo accorgimento in più, anche in estate, verso un capo caldo da indossare se la temperatura volge al fresco e si prevede di rimanere un pò fermi come accade nelle escursioni alla ricerca del lupo o nelle escursioni a tema astronomico.

 

Per illuminare il percorso, se non si ha l’accortezza di muoversi durante una fase di luna favorevole, è utile una torcia, meglio se frontale (io ne ho più d’una da mettere a disposizione dei viandanti che ne siano sprovvisti).

 

Nella sezione del sito dedicata ai programmi delle escursioni potete trovare anche una ricca scelta di escursioni notturne e ciaspolate notturne: dalle ciaspolate al chiaro di luna con polentata finale alle escursioni sulle tracce del lupo.

 

 

Tutte le escursioni notturne in calendario potete trovarle nella sezione dedicata agli appuntamenti estivi di Camminappennino o in quella dedicata alle escursioni con le ciaspole di Ciaspolappennino.

 

nella sezione “le escursioni del mese” trovate invece la descrizione di tutte le escursioni e ciaspolate in programma mese per mese.

Oppure potete richiedere un’escursione o un trekking su misura contattandomi a info@laviadeimonti.com.

Faggio al tramonto (Boccaia)

Faggio al tramonto alla Boccaia

Se poi, terminata l’escursione, voi coglierà il classico languorino da trekking, o meglio ancora la rinomata fame da lupi (nulla di più facile)…nella sezione “ospitalità amica” potete trovare alcuni suggerimenti per ristorarvi con un buon piatto caldo (anche più d’uno all’occorrenza) e il sorriso cordiale d’un oste.